Anno 2004

Cerca in PdD


Afghanistan, "Prenderemo bin Laden quest'anno"

Pagine di Difesa, 04 febbraio 2004

Il tenente generale David Barno, comandante delle truppe americane in Afghanistan si è dimostrato ottimista circa la cattura di Osama bin Laden e del Mullah Mohammed Omar che - secondo lui - potrebbe avvenire quest'anno. La dichiarazione è avvenuta durante una cerimonia organizzata per lo spostamento del comando USA dalla base aerea di Bagram (a nord della capitale) a Kabul.

"I loro giorni volgono al termine - ha affermato il generale Barno - e quest'anno la loro campana suonerà a morto". Il generale ha anche aggiunto che la ridislocazione del comando USA consentirà un maggiore coordinamento di intelligence. "Siamo concentrati sui capi - ha anche detto Barno alla conferenza stampa che ha fatto seguito alla cerimonia - e questo è un anno importante, l'Afghanistan sta venendo fuori da un periodo lungo e difficile e credo che anche per noi sarà critico".

La dislocazione di bin Laden e del Mullah Omar sono rimaste un mistero da quando il regime talebano è stato rovesciato dalle truppe americane nel 2001. Secondo le autorità afghane e USA i due potrebbero avere trovato rifugio nella regione pakistana tribale. Nonostante le opinioni diverse espresse da ONU e altre agenzie, il generale Barno si è anche detto ottimista circa la possibilità di tenere le elezioni in giugno.

Nel periodo compreso tra agosto 2003 e gennaio 2004 vi è stata una recrudescenza degli attentati portati dai rivoltosi che hanno causato oltre 500 morti tra militari e popolazione civile. La situazione, secondo osservatori esterni, non sembra migliorare, anche in virtù del campio di strategia terroristica che ora si avvale in misura maggiore di attentatori suicidi.

Intanto, secondo il quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine, nella riunione informale dei ministri della Difesa della NATO che si terrà a Monaco di Baviera venerdì 6 febbraio, sarà deciso lo schieramento di ulteriori migliaia di soldati e l'incremento dei Provincial Reconstruction Team (PRT) da dieci a diciotto.

I nuovi PRT sarebbero forniti da Regno Unito, Germania e Nuova Zelanda (uno a testa) e Stati Uniti (cinque). Secondo un rapporto della NATO il numero di soldati attualmente impiegati in Afghanistan dovrebbe essere portato dagli attuali 5000 a 14.000.

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM