Anno 2004

Cerca in PdD


Status Of Forces Agreement tra NATO e Russia

Pagine di Difesa, 6 aprile 2004

Secondo quanto affermato dal ministro della Difesa russo, Sergei Ivanov, e riportato dalle agenzie Interfax e Tass, entro l'anno corrente la Russia e la NATO firmeranno un accordo che consentirà lo stazionamento di truppe ed equipaggiamenti delle nazioni aderenti all'Alleanza Atlantica su territorio russo e viceversa.

La dichiarazione del ministro è stata fatta in occasione di una conferenza stampa tenuta a Oslo, Norvegia, sulla via per Norfolk, dove ha sede il comando di trasformazione della NATO e dove da lunedì Ivanov partecipa alla conferenza congiunta del NATO-Russia Council sul ruolo militare nella lotta contro il terrorismo.

L'accordo sullo stato delle forze (Status Of Forces Agreement, SOFA) riguarda sia il transito e lo stazionamento delle forze NATO in Russia sia quello delle forze russe nelle nazioni alleate ed è - secondo le dichiarazioni del ministro - inserito nel quadro della lotta congiunta contro il terrorismo.

Le affermazioni di Ivanov contrastano con l'atteggiamento tenuto dalla Russia in occasione dell'ultimo allargamento della NATO, avvenuto il 29 marzo e celebrato con una cerimonia a Bruxelles il 2 aprile, in occasione del quale sono entrate a fare parte dell'Alleanza sette nuove nazioni: Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia, Slovenia.

In particolare, l'atteggiamento russo era dovuto all'ingresso nella NATO dei tre paesi baltici, ex dominio sovietico. Le dichiarazioni ufficiali lasciavano intravvedere la possibilità di un rischieramento delle truppe russe verso i confini con le tre repubbliche e una rielaborazione della dottrina nucleare.

Il ministro ha aggiunto che forze NATO e russe condurranno quest'anno esercitazioni congiunte nella penisola di Kola per verificare e coordinare le rispettive procedure in caso di attacco terrorista con l'impiego di armi di distruzione di massa.

Ulteriori negoziati tra l'Alleanza e la Russia, da approfondire durante colloqui bilaterali tra Ivanov e rispettivamente il segretario di Stato americano Donald Rumsfeld e il segretario generale della NATO Jaap de Hoop Sheffer, riguardano la partecipazione di forze navali russe al pattugliamento del Mediterraneo. Il ministro ha affermato che la flotta del Mar Nero potrebbe partecipare alla attività della Standing Naval Force Mediterranean (Stanavformed) per intercettare cargo sospetti e immigranti illegali.

Un SOFA permanente tra nazioni NATO e Russia consentirà la condotta sia di esercitazioni sia di operazioni senza dovere negoziare di volta in volta l'accordo. "E' un accordo tecnico e standard, ma molto importante dal punto di vista politico - ha detto il portavoce dell'Alleanza, Pszczel - che sarà di grande aiuto per l'organizzazioni delle esercitazioni militari e per il transito delle truppe in occasione di operazioni, come quella in Afghanistan."

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM