Anno 2004

Cerca in PdD


NATO, Allied Action 2004 non vuol dire Iraq

Pagine di Difesa, 21 maggio 2004

La NATO attiverà per la prima volta il quartier generale di un comando schierabile di forza di intervento congiunta (DJTF HQ, Deployable Joint Task Force Headquarters) nel corso della esercitazione Allied Action 2004 (AA-04) che avrà luogo dal 25 maggio all'8 giugno a Persano e Civitaveccchia.

La AA-04 è una esercitazione per posti comando (CPX, Command Post Exercise) imperniata sull'impiego di una forza d'intervento congiunta combinata (CJTF, Combined Joint Task Force) e designata per certificare la capacità del Joint Force Command Napoli e dei suoi comandi subordinati ad assumere la responsabilità della Forza di risposta NATO (NRF, NATO Response Force) nel periodo rotazionale luglio 2004 - luglio 2005. L'esercitazione dovrà anche convalidare le capacità del comando a operare come CJTF.

L'esercitazione comprenderà lo schieramento di un quartier generale DJTF a Persano (Salerno) e di un quartier generale NRF a Civitavecchia. Quest'ultimo sarà fornito dal comando di corpo d'armata di reazione rapida di Solbiate Olona, Milano (NRDC-IT), che opererà come comando di componente terrestre per la prossima rotazione della NRF.

Parteciperanno alla esercitazione più di 2.600 militari forniti da 35 paesi. Le nazioni NATO partecipanti sono: Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Turchia, Ungheria.

Parteciperanno inoltre 12 nazioni partner della NATO: Albania, Austria, Azerbaijan, Bielorussia, Croazia, Finlandia, Georgia, Irlanda, ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, Moldavia, Svizzera, Ucraina.

I Comandi NATO coinvolti nell'AA-04 sono: il comando alleato Operazioni (Mons, Belgio), il comando alleato Trasformazione (Norfolk, Virginia) - inclusi i subordinati Joint Warfare Centre e Joint Analysis and Lessons Learned Centre, il Joint Force Command Napoli, i dipendenti comandi aereo Airsouth e navale Navsouth, il corpo d'armata di reazione rapida di Solbiate Olona, il comando Forze maritttime britanniche (Ukmarfor), il comando Forze alleate nord (Allied Forces North, Brunssum, Olanda) e il quartier generale congiunto ovest (Joint Headquarters West, Lisbona).

I partecipanti si addestreranno nelle procedure per la pianificazione e l'avvio di una operazione basata sui concetti NRF e CJTF. In particolare, la AA-04 metterà in pratica lo schieramento rapido del quartier generale di un DJTF e le procedure per costituire il quartier generale di un CJTF (CJTF HQ) in un teatro operativo al di fuori dell'area di responsabilità dell'Alleanza dove viene svolta un'operazione NATO in risposta a una crisi, condotta in base al Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite.

La AA-04 costituisce pertanto una opportunità specifica per i partecipanti affinché si addestrino nell'attivazione e lo schieramento della NRF e nella preparazione a condurre una successiva operazione basata su un CJTF. Attraverso l'esercitazione sarà possible certificare formalmente il quartier generale Joint Force Comand Napoli comee 'addestrato' a svolgere le funzioni di CJTF HQ. Verranno anche sperimentate e valutate le sue capacità a fornire il supporto arretrato (Reach-Back).

I partecipanti si addestrerano nei ruoli di supportati o supporto, nelle relative procedure e nella cooperazione a tutti i livelli della catena di comando. Infine, ma non in ordine di importanza, verrà promossa la interoperabilità tra la NATO e le nazioni del Partenariato.

Secondo il comando di Napoli: "La AA-04 costituisce un passo importante nel processo di attuazione dei concetti operativi NRF e CJTF attraverso i quali la NATO acquisirà una forza permanente credibile, robusta, a elevata prontezza, pienamente addestrata e certificata per fronteggiare le sfide e le minacce del ventunesimo secolo".

Fonti interne dello stesso comando affermano che l'esercitazione non è connessa con l'ipotesi di un impegno NATO in Iraq, anche se la validazione del nuovo sistema di comando e controllo al 1° luglio rende il Joint Force Command Napoli operativo a tutti gli effetti. E' da escludere invece l'impiego della NRF per due motivi.

Il primo è dovuto al fatto che la NATO Response Force raggiungerà la Initial Operational Capability nell'ottobre del 2004 e la Final nell'ottobre 2006. Il secondo motivo è dovuto al concetto operativo stesso che prevede l'impiego di NRF come forza d'ingresso o comunque per brevi periodi. Non è questo il caso dell'Iraq.

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM