Anno 2004

Cerca in PdD


USA, Kerry promette parziale ritiro da Iraq

Pagine di Difesa, 9 agosto 2004

Il candidato democratico alle elezioni presidenziali americane, John Kerry, ha affermato che potrebbe ridurre in modo significativo il numero delle truppe in Iraq entro un anno. L'affermazione ha generato una rapida e perentoria risposta dalla Casa Bianca.

Kerry ha fatto la dichiarazione durante una intervista radiofonica venerdý scorso durante una fase di campagna elettorale condotta nello stato del Missouri. "Io credo che entro un anno - ha detto il candidato democratico - potremo ridurre in modo significativo le forze americane in Iraq, questo Ŕ il mio piano.

Immediata la risposta della Casa Bianca. Il capo dello staff del presidente Bush, Andrew Card, ha risposto: "Questo tipo di decisioni devono essere prese sulla base delle valutazioni dei comandanti militari sul terreno e io ho i miei dubbi che il senatore Kerry possa avere informazioni dirette dai comandanti militari".

Card, in viaggio con Bush nel New Hampshire, ha aggiunto: "Il presidente non prenderÓ decisioni in base a quello che si ritiene debba essere il livello delle truppe ma in base a quello che i comandanti sul campo suggeriscono".

I soldati attualmente schierati in Iraq sono circa 138.000 e il periodo di permanenza Ŕ stato allungato, anche a causa della sanguinosa reazione degli insorti che impegnano giornalmente le truppe americane in combattimento.

Il senatore Kerry sostiene che l'attuale amministrazione americana non ha dato il giusto spazio alla diplomazia e per questo l'America sta pagando un prezzo molto elevato, sia in termini di vite umane sia in termini di soldi che escono dalle tasche dei contribuenti per il sostegno della campagna militare.

Fonte: Reuters

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM