Anno 2004

Cerca in PdD


L'esercitazione Piramidi 2004 della Garibaldi

Pagine di Difesa, 27 ottobre 2004

La brigata bersaglieri Garibaldi, con il proprio posto comando e con i reggimenti dipendenti (18° bersaglieri, 8° artiglieria, 21° genio, 131°carri, cavalleggeri Guide e il reparto comando e supporti tattici ha condotto con le Forze armate egiziane una esercitazione congiunta nel poligono di El Hammam denominata Piramidi 2004.

Alla esercitazione hanno partecipato circa 1500 militari italiani, con oltre 600 mezzi, di cui 90 da combattimento e 2 elicotteri. Il contigente si č reso totalmente autonomo dal punto di vista logistico.

Lo scenario utilizzato nello sviluppo della Piramidi 2004 prevedeva un ipotetico conflitto asimettrico ad alta intensitā, combattuto in una zona desertica. L'attivitā č stata altamente significativa per la crescita della capacitā di cooperazione tra l'esercito egiziano e quello italiano e ha evidenziato funzioni di comando, controllo e comunicazioni attraverso l'integrazone, nello staff di brigata, di ufficiali egiziani.

Piramidi 2004 ha consentito di verificare l'integrazione con le Forze armate egiziane attraverso la condotta di cross training (addestramento congiunto) e ha promosso un mutuo scambio di esperienze e procedure con le unitā egiziane.

Ha inoltre rinsaldato i rapporti di amicizia, cooperazione e interscambio con un Paese amico e infine ha valutato le problematiche, per le unitā italiane, connesse con l'effettuazione di missioni in aree di impiego non usuali.

Nell'ambito delle attivitā propedeutiche allo svolgimento dell'esercitazione, sono stati condotti numerosi incontri, sia in Italia che in Egitto, fra rappresentanti delle Forze armate dei due Paesi, che hanno permesso di definire nel dettaglio le modalitā di svolgimento della Piramidi 2004.

Come giā avvenuto in passate edizioni della stessa esercitazione, anche in questa occasione la brigata ha messo in atto tutte le misure necessarie per la salvaguardia dell'ambiente.

Importante č stato il ruolo della esercitazione nel cementare i rapporti di cooperazione italo-egiziana. A tal fine č stata data ampia visibilitā e trasparenza alle attivitā addestrative della brigata e durante l'esercitazione č stato anche costituito un Press Information Center, che ha provveduto quotidianamente a diffondere a tutti i rappresentanti dei media le informazioni riguardanti la esercitazione.

Il 12 ottobre, alla presenza del comandante delle Forze terrestri, tenente generale Cosimo D'Arrigo e dei comandanti delle Forze operative di difesa (tenente generale Gaetano Romeo e tenente generale Luigi Colaneri) e di autoritā egiziane si č svolta l'esercitazione finale, che ha visto nel deserto di El Hammam operare 350 militari italiani con 50 mezzi da combattimento e due elicotteri, insieme con un battaglione carri e una batteria di artiglieria egiziana.

Il 10 ottobre 450 militari della Garibaldi hanno reso omaggio ai caduti di El Alamein, deponendo corone di alloro al sacrario dove riposano 4.800 soldati italiani e al sacello che racchiude le spoglie di 228 soldati libici che combatterono sotto il tricolore e caddero nelle tre battaglie di El Alamein.

Fonte: Brigata Garibaldi, Caserta

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM