Anno 2004

Cerca in PdD


Crisi Grecia-Usa per il nome della Macedonia

Pagine di Difesa, 8 novembre 2004

Il governo greco ha presentato una protesta formale all'ambasciatore americano per il riconoscimento da parte degli Usa della Macedonia con il suo nome costituzionale al posto di Fyrom (Former Yugoslav Republic of Macedonia, ex Repubblica Yugoslava di Macedonia), così come riconosciuta dalla comunità internazionale.

Il ministro degli Esteri greco, Petros Molyviatis, venuto a conoscenza della notizia dalla stampa, ha convocato l'ambasciatore Thomas Miller e - secondo quanto riportato - gli avrebbe detto: "A parte la nostra protesta, individuo molti effetti negativi come conseguenza di questa decisione unilaterale degli Stati Uniti".

Lo scorso mese il segreario alla Difesa statunitense, Donald Rumsfeld, aveva firmato un accordo di cooperazione tra Usa e lo Stato macedone che riportava la denominazione Macedonia. La costituzione macedone fa riferimento alla nazione come Repubblica di Macedonia, ma allo stesso tempo le Nazioni Unite la riconoscono come Fyrom, dal momento che è pendente una questione con la vicina Grecia.

Nonostante colloqui decennali, la Grecia ha rifiutato di riconoscere la Macedonia con questo nome perché ha una provincia con lo stesso nome, tra l'altro dove è nato Alessandro Magno, e afferma quindi che la Macedonia è una entità geografica che non corrisponde al vicino Stato. Nell'ambito degli alleati della Nato solo la Turchia ha riconosciuto la Macedonia con il suo nome costituzionale.

Con il riconoscimento degli Stati Uniti, il primo atto ufficiale del presidente Bush dopo la rielezione, sono tre gli Stati membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu che riconoscono la Macedonia con il suo nome: Usa, Cina, Russia.

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM