Anno 2004

Cerca in PdD


Ariete, la cerimonia di cambio del comandante

Pagine di Difesa, 15 novembre 2004

"Oggi lascio il comando di questa unità sentendo di aver vissuto con voi i momenti più intensi ed esaltanti di tutta la mia carriera militare". Così ha esordito il brigadier generale Gian Marco Chiarini nel suo discorso di commiato, tenuto sabato 13 novembre nella caserma Mittica di Pordenone, durante la cerimonia di cessione del comando della brigata corazzata Ariete al pari grado Roberto Ranucci.

"Vi avevo chiesto un anno fa uno sforzo di professionalità - ha proseguito il generale Chiarini - per poterci preparare e quindi affrontare con la dovuta competenza una missione difficile quale quella che ci attendeva in Iraq. Avevo chiesto di poter completare i ranghi della task force con tutti i reparti dell'Ariete per poter dare coesione all'unità ai miei ordini. Tutti questi obiettivi li abbiamo realizzati insieme e ho potuto contare su una forza efficiente e competente, che ha saputo affrontare le prove più difficili".

Chiarini ha ricordato anche lo sforzo notevole fatto da tutta la brigata nel 2004: "Mentre il grosso della brigata era impegnato in territorio iracheno, il nostro reggimento artiglieria era nel teatro afghano, mentre il 4° reggimento carri era impegnato in Kossovo. In quel periodo l'Ariete stava affrontando con dignità e competenza uno sforzo massimo per compiere le missioni affidateci dalla nazione, in diverse e lontane parti del mondo".

Significativa e impregnata di orgoglio la replica del generale Ranucci: "Non lo nascondo ma per me oggi si realizza un sogno custodito in segreto da tempo. E' il coronamento di trenta anni di servizio, trascorsi in diversificati settori d'impiego, ma che per un carrista costituisce un traguardo moralmente pregnante e professionalmente significativo, essendo l'Ariete l'unica ed effettiva grande unità corazzata della Forza armata. La permanenza nell'Ariete per oltre dieci mesi quale vice comandante ha rafforzato questa mia intima aspirazione, avendo avuto la fortuna di condividerne gli esaltanti impegni e i successi in questo breve ma intensissimo periodo".

La cerimonia è stata presieduta dal tenente generale Gaetano Romeo, comandante delle Forze di Difesa con sede a Vittorio Veneto e, oltre a tutte le autorità della provincia di Pordenone, vi ha partecipato anche la signora Mittica, moglie della medaglia d'oro al valor militare maggiore Pietro Mittica, scomparso di recente e in onore del quale è stata rinominata la caserma. Il vecchio nome, medaglia d'oro Fiore, è stato dato alla caserma di Motta di Livenza che ospita il Cimic Group South. Al maggiore Mittica è dedicato anche il compound che ospita la Joint Task Force Iraq a Nassiriya.

Fonte: comando brigata Ariete

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM