Anno 2004

Cerca in PdD


Chirac: interventi militari solo con le Nazioni Unite

Pagine di Difesa, 20 novembre 2004

Il presidente francese Jacques Chirac - in visita nel Regno Unito per la celebrazione del centesimo anniversario della Entente Cordiale, che mise fine a centinaia di anni di rivalità fra Inghilterra e Francia - ha affermato che, pur essendo la guerra la peggiore soluzione, sostiene la validità dell'intervento militare per ragioni di sicurezza e di diritti umani.

"Sostengo il diritto d'intervento - ha detto il presidente parlando agli studenti della università di Oxford e ancora in aperta polemica nei confronti dell'intervento Usa in Iraq - per motivi di sicurezza e diritti umani, ma solo nell'ambito della legalità internazionale, che oggi è espressa dalle Nazioni Unite".

Chirac, al termine della visita di due giorni, ha anche richiamato l'attenzione sulla riforma dell'Onu affinché "diventi più rappresentativa del mondo di oggi" e ha affermato di essere favorevole all'allargamento del Consiglio di sicurezza dagli attuali quindici membri (cinque permanenti e dieci a rotazione) a venti o venticinque. Ha detto inoltre di essere a favore della proposta di affidare un seggio permanente a Brasile, Germania, Giappone, India e a una grande nazione africana.

In risposta alle voci che indicano uno stato di frattura nelle relazioni tra Francia e Regno Unito, Chirac ha affermato: "Il primo ministro Tony Blair e io condividiamo l'idea di un mondo multipolare, così come abbiamo lo stesso punto di vista sulle regole della legalità e sulla riforma dell'Onu".

Ha quindi aggiunto: "Le nostre relazioni con la Gran Bretagna sono importanti, così come quelle con la Germania; negli anni le due nazioni hanno anche avuto differenti punti di vista, ma la realtà è che esiste una profonda e amichevole condivisione di intenti".

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM