Anno 2004

Cerca in PdD


Brigata Aosta, quattro piste di elisoccorso alle Egadi

Pagine di Difesa, 24 novembre 2004

Sono stati i militari del 4° reggimento genio guastatori di Palermo, unità dipendente dalla brigata meccanizzata Aosta - comandata dal brigadier generale Riccardo Marchiò - a realizzare le tre piazzole di sosta per elisoccorso a Favignana, Levanzo e Marettimo (Isole Egadi). Le opere sono state realizzate dall'Esercito su richiesta del prefetto di Trapani e disposte con ordinanza della presidenza del Consiglio dei ministri.

Lo stato maggiore dell'Esercito ha affidato i lavori agli esperti del 4° reggimento genio, che hanno avviato l'opera il 6 settembre 2004, portandola a compimento in meno di un mese. Il 22 novembre è stato così possibile eseguire il collaudo delle piste di Favignana e Levanzo. Entro qualche settimana la stessa cosa avverrà per la piazzola di sosta realizzata a Marettimo. L'isola è rimasta tagliata fuori dai collegamenti lunedì 22 novembre a causa delle avverse condizioni meteorologiche.

Le piazzole d'atterraggio sono state realizzate con oltre mille grelle metalliche di 3x0,80 metri ciascuna. La soluzione consente di avere un impatto ambientale quasi nullo. Le strutture sono infatti facilmente amovibili e consentono all'occorrenza il completo ripristino dei luoghi originari. La tutela dell'ambiente è una attenzione che da sempre vede impegnato l'Esercito italiano.

La realizzazione di elisuperfici per il soccorso è una attività per la quale il 4° reggimento guastatori, la cui sede è la caserma Ciro Scianna di Palermo, è già stato impegnato nell'isola di Stromboli nel 2002, quando l'eruzione improvvisa del vulcano mise a rischio l'incolumità della popolazione e del personale militare e civile intervenuto in soccorso.

In quella occasione il reparto, oggi comandato dal colonnello Luigi Masiello, realizzò due elisuperfici per facilitare il soccorso e l'evacuazione degli isolani e per agevolare il monitoraggio delle attività vulcaniche.

Per l'effettuazione dei lavori, portati a termine da due squadre di undici sottufficiali e volontari in servizio permanente ciascuna, sono stati utilizzati: un escavatore FL-14; una terna ruotata JCB-3CX; una terna ruotata JCB-1CX; un apripista FD-175; un martellone EX-215; tre camion Astra HD-6 modello 66.45; tre camion Astra SV modello 44.30; un furgone chiuso; un furgone combinato; un automezzo VM-90; una automezzo AR-90 e due motociclette Cagiva 350.

Fonte: Comando Brigata Aosta, Messina

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM