Anno 2005

Cerca in PdD


Eutanasia di un Esercito di rompipalle

Fabio Mini, 13 giugno 2005

L'intervista del Corriere al capo di stato maggiore dell'Esercito, generale Fraticelli, ha sollevato qualche meraviglia e perplessità. La denuncia della pesante penalizzazione dell'Esercito nelle assegnazioni di bilancio e i preannunciati finanziamenti ai programmi per l'acquisizione di nuove navi e aerei da combattimento sono apparse come una questione di parrocchia. O peggio. Il Sole 24 ore (Stefano Silvestri) la definisce "una lotta tra poveracci" e il generale Arpino "uno sfogo".

Silvestri ammette che Fraticelli sa di cosa parla perché è un esperto del settore industriale degli armamenti, con evidente allusione al fatto che i programmi di acquisizione di navi e aerei, di cui oggi lamenta l'inutilità, sono nati sotto la sua supervisione e in un quadro di larga condivisione tra tutti i diretti interessati in cambio di altri programmi per l'acquisto di mezzi terrestri e delle comunicazioni.

Non è difficile collegare tale condivisione con le garanzie di mantenere gli impegni che hanno determinato l'attribuzione di alti incarichi in servizio e in pensione ai militari che si sono adoperati per tali programmi. La conclusione sembra che sia quella di non fare delle tragedie se ora qualcosa è andato storto e se il "patto di sindacato" si è rotto: fa parte degli incerti del mestiere. Si può aggiungere che non si può fare della tragedia se la Marina e l'Aeronautica, per non parlare dei Carabinieri, riescono a farsi passare finanziamenti o provvedimenti di legge particolarmente favorevoli.

Non è una novità che in materia di lobbying e d'influenza sul potere economico e politico sono più bravi, settariamente coesi, più positivi e capaci di collegare i propri interessi con quelli degli interlocutori. Non è un caso che quando l'Esercito ha avuto generali con queste stesse capacità hanno finito per lavorare per gli altri anche a scapito dell'Esercito stesso.

L'Esercito è notoriamente "piagnone" e legato a problemi impopolari: la leva, i volontari, gli alloggi, le indennità, i mezzi essenziali, l'assistenza alle famiglie. Ha sempre bisogno di qualcosa e resiste sempre a qualche richiesta d'immagine e visibilità opponendo motivazioni sempre razionali ma lugubri come i rischi, le responsabilità, i costi e le vulnerabilità. Se non viene ascoltato, non casca il mondo: inizia a degradarsi, a perdere di coesione, di prestigio e alla fine si sfascia magari perdendo una guerra mondiale. E' un eterno malato a volte immaginario a volte terminale e per questo il suo disagio non attira consensi, ma anzi li distrae.

Nei confronti di questo presunto malato da anni è in corso un tentativo di eutanasia. Lo si vorrebbe finalmente consenziente all'autodistruzione, alla demotivazione, alla ghettizzazione e intanto lo si sfrutta per tutto ciò che può ancora dare (sempre meno in verità). Al suo capezzale si sono avvicendati premurosi angeli di tutti i colori, perfino caki, con l'intenzione di assestare il colpo di grazia.

Se chi ha vissuto questi ultimi anni guardando in alto si fosse rivolto almeno una volta al basso, si sarebbe accorto che i problemi dell'Esercito non sono solo di bilancio e di approvvigionamenti e che le soluzioni non potevano dipendere soltanto dal sorriso condiscendente del ministro di turno o dal patto con l'industria di turno. Si sarebbe accorto che navi e poltrone vanno di pari passo con aerei e poltrone, con carri armati e poltrone e, comunque, in carenza di mezzi le poltrone vanno d'accordo con se stesse.

Poveracci? Sfoghi? Tutto vero e anche in questo l'Esercito s'è distinto per incongruenza e ambiguità. In passato ci sono stati altri generali in vari incarichi di responsabilità che il giorno prima della pensione hanno tentato di uscire sbattendo sommessamente la porta. In alcuni casi si è trattato di rigurgiti di dignità, tardiva quanto inutile, in altri di calcolo personale finalizzato a emendare un periodo di servizio frustrante e inconcludente con una mossa plateale o a guadagnare nuova fiducia, per nuove poltrone. In alcuni casi, infine, il calcolo si è spinto a cercare d'influenzare la scelta del proprio successore che invariabilmente ha finito per favorire qualcuno che non avrebbe certo rischiato la sedia per sostenere posizioni impopolari.

In tutti i casi il gesto non ha mai sortito alcun effetto "politico" mentre le poltrone e le gratificazioni post pensione si sono congiunte con gli interessi dei successori cooptati da un sistema di compromessi. Così, anche il gesto è diventato "pensionabile". D'altro canto all'interno dell'Esercito il gesto di stizza o d'orgoglio non ha mai lenito il rammarico per l'uscita anzitempo di un valoroso capo che si sarebbe voluto al suo posto fino all'ultimo; né ha mai cancellato la disistima verso un generale che aveva usato l'Esercito per fini personali e ne aveva venduto la primogenitura o la dignità "per un piatto di lenticchie"; né ha mai favorito la formazione di dirigenti più determinati o intellettualmente più indipendenti.

Anzi, il sistema si è sempre di più avviluppato e contorto su se stesso, arroccato su posizioni di parrocchia, perdendo di vista il quadro generale della Difesa italiana e della sicurezza internazionale, rivolto al consenso dell'alto anziché al bene di chi sta in basso, frustrando e punendo le iniziative e le discussioni e tappando la bocca di chi avesse idee diverse. Da sempre il primo commento agli sfoghi è: "Ma da che pulpito.." facendo precipitare nella meschinità qualsiasi intenzione.

Semmai l'intervista, più che commenti sulle intenzioni e sul metodo, avrebbe dovuto suscitare qualche riflessione sulla tesi dello "sfogo". Una parte di essa è che l'Esercito fa di più ed è più importante perché è impegnato in operazioni di pace mentre le altre forze armate ricevono fondi per acquistare navi e aerei concepiti per la guerra. A chi? Si chiede il capo. Una tesi e una domanda legittime, ma alle quali non ci può essere risposta e che invece di rafforzare la richiesta sacrosanta di maggiore attenzione la indebolisce.

Di certo con l'atteggiamento del "pacifismo di mercato" non si giustificano le lamentele sui tagli per comprare carri armati e semoventi d'artiglieria. I compiti istituzionali delle forze armate non sono soltanto le missioni di peacekeeping e anche queste sono diventate più delle comode etichette che delle forme d'intervento operativo. Purtroppo è proprio l'abuso della parola "pace" che ha svilito questo fondamentale principio e bisogno dell'uomo (specie di quello moderno, frastornato da mille paure) in alibi per giustificare vere e proprie guerre o interventi di comodo, improntati "al risparmio" o alla "visibilità" grazie al consenso che la pace suscita.

E' questa logica che ha abbassato di livello la pace facendola passare da giusto obiettivo e missione politico-strategica a discutibile e ambiguo compito tattico-operativo con gravi ripercussioni sulla sicurezza. Ed è stata questa trasposizione che ha innalzato i rischi operativi per i soldati facendo credere che non fossero necessarie misure di protezione da teatro di guerra (fino a quando non ci sono stati i morti) o che non fossero necessari i carri armati (fino a quando non ci sono stati i morti) e che non fossero necessari elicotteri d'attacco (fino a quando non ci sono stati i morti).

E' stata questa logica a trasformare il teatro operativo in un vero e proprio teatro dell'opera ora tragica, ora buffa, ora ispirata al Western Melodrama tipico delle città fantasma delle Montagne Rocciose. Un palcoscenico dove si avvicendano il buono e il cattivo, la vedova e gli orfanelli e dove il pubblico partecipa fischiando e applaudendo ma anche intervenendo direttamente nella scena.

I rischi sono aumentati per tutti e anche la pace ha perso di prestigio e di credibilità. Sembra un paradosso, ma è proprio l'argomento della missione cosiddetta di pace che ha fatto perdere a molte parti sociali, che di pace s'intendono, la tensione morale per sostenere l'operatività dell'esercito per uno scopo che tutto sommato possono tranquillamente assolvere le compagnie di sicurezza private, le Ong o la Croce Rossa.

Se non si recupera la vera cultura della sicurezza e se non si mette in chiaro in quali situazioni i nostri soldati sono chiamati a operare, l'argomento della missione di pace potrà soltanto quietare la coscienza dei decisori e le rimostranze dei pacifisti, ma non servirà né a promuovere gli ammodernamenti veramente necessari né a rivalutare il ruolo dei nostri soldati.

Un'altra parte della tesi tocca l'uomo: l'Esercito è fatto di uomini, il capitale dell'Esercito è l'uomo e incidere sull'Esercito significa soltanto incidere sugli uomini. Non a caso ogni volta che si parla di tagli all'Esercito si parla di ridurre gli uomini. In un vizio che neppure i calcoli più razionali sono riusciti a smontare si indulge nella teoria che l'Esercito abbia sempre esuberi, che ci siano troppi quadri (ma rispetto a cosa se non a un numero arbitrario fissato a tavolino?) e che la qualità significhi necessariamente minore quantità.

All'insegna di questi principi abbiamo avuto riduzioni sostanziali e incrementi di qualità insoddisfacenti. Nessuno è mai riuscito a determinare quanto deve essere grande l'Esercito e quanto deve essere efficiente perché non sono mai stati fissati i limiti di ciò che deve fare. E allora tutto diventa aleatorio e opinabile e diventa anche giustificato parlare di Esercito più piccolo e più inefficiente. La verità è che in queste condizioni per tutte le forze armate non esistono limiti minimi, invalicabili, di dimensioni e d'efficienza se non quelli che ciascuna di esse si è imposta con criteri autonomi basati sulla professionalità, sugli impegni internazionali e, purtroppo, sulla sopravvivenza di una struttura autoreferente.

Mentre le altre forze armate sono riuscite negli anni a "blindare" la struttura autoreferenziale con una soglia minima numerica e qualitativa stabilita dagli impegni nazionali e internazionali e dalle esigenze del sistema industriale, l'Esercito ha continuato nella caduta libera delle ristrutturazioni senza fini e fine. Mentre le altre forze armate piazzavano propri rappresentanti nelle sedi decisionali Nato ed europee che riuscivano a trasformare le loro esigenze in "offerte" e quest'ultime in "richieste vincolanti " delle varie organizzazioni, l'Esercito, attraverso l'innalzamento degli acquiescenti e la defezione dei capaci, ondeggiava tra la propensione al suicidio, la liquidazione fallimentare, l'assalto alla diligenza e l'eutanasia. Tutto in nome dell'uomo.

Per questo è importante capire a quale "uomo" ci riferiamo. Per una parte consistente dell'apparato militare, politico e industriale che si concentra sulla tecnologia e preme per innovazioni e approvvigionamenti, il soldato non è altro che un "affusto semovente non a ruote". E' un supporto per gli armamenti che bisogna comprare, una specie di albero di natale da addobbare con vari ammennicoli in genere estremamente costosi e raramente utilizzati, una specie di albero della cuccagna sul quale appendere prosciutti e salami, prodotti dai norcini più influenti.

Quest'uomo, quindi, diventa lo strumento per l'acquisizione dei materiali e l'unità di misura per i cosiddetti investimenti. Il numero di questi uomini e donne è importantissimo: un soldato vuol dire un fucile, un elmetto, una serie infinita di uniformi e di scarpe, una pistola, un paio d'occhiali, un puntatore laser, una maschera Nbc, un pacchetto sanitario, una radio palmare, un letto, una stanza, un armadietto e così via (tutta roba che costa un occhio della testa).

Dieci cavalieri vogliono dire due carri Ariete o Centauro o Puma; cinquanta bersaglieri dieci Dardo; due missilisti un Milan; due elicotteristi un Mangusta e quattro un Chinook. E ognuno di questi elementi operativi ha bisogno di una logistica fatta di altri uomini e di altri sistemi, ma in progressione geometrica. Ecco perché il numero di questi uomini e donne è importante, soprattutto per coloro che sono interessati all'affusto, all'albero di Natale o a quello della cuccagna.

Poi c'è l'altra concezione dell'Uomo, quella legata alla sua funzione di operatore della sicurezza e alle vere esigenze nazionali e internazionali di sicurezza, quella legata al suo pregio, alla sua professionalità e quindi al suo valore intrinseco di essere umano e di professionista. Da quindici anni a questa parte questa dimensione è costantemente sottovalutata. Nel conteggio delle esigenze sono rimaste prioritarie quelle delle "richieste vincolanti" di navi e aerei anche quando bisognava mandare uomini. Si è continuata a fare l'apologia del mezzo sofisticato anche quando a rischiare c'era il solito contadino campano, con il solito fucile in mano.

Parlare di questi uomini e donne dà fastidio a molti perché ognuno di essi è fatto di esigenze motivazionali, di educazione, di cooperazione, di bisogni familiari, di componenti psicologiche e prettamente materiali. Ognuno di essi, di qualsiasi grado ed estrazione, è importante. Questo soldato ha bisogno di essere riconosciuto, apprezzato per quello che è e sa fare e non per quello che può portare addosso o guidare. Ha bisogno di una famiglia che lo sostenga, di una casa, di una gerarchia che lo comprenda e che non lo butti a mare a ogni vento sfavorevole o situazione d'imbarazzo.

Egli sa cosa sta facendo nei teatri e mal si adatta ai teatrini. Riconosce i comandanti dai Pupi. Ma sa anche che con un Esercito ridotto al lumicino e diviso tra componenti di serie A, B, e giù fino alla Z, la sua sopravvivenza dipende dalla sua complicità. Una sopravvivenza che diventa sempre più difficile e che varia a seconda delle sedi stanziali e del numero di giorni che riesce a fare all'estero.

Da questi elementi dipende quanti debiti riesce ad accumulare e quanti ne riesce a onorare, quanto possa contare sulla famiglia e quanto possa sognare di costituirsene una propria. In un esercito che dopo i primi cinque mesi dell'anno non ha più fondi né per l'addestramento né per gli straordinari, che comunque bisogna fare, questo soldato non capisce perché gli si chiedano sacrifici. Perché gli si chieda di abbandonare la mentalità di guarnigione e il provincialismo e allo stesso tempo non possa staccarsi da una caserma e avere una casa e un'assistenza adeguate soltanto perché centinaia di dirigenti militari in pensione, facendosi scudo di casi umani o di vedove altrui, hanno deciso di appropriarsi delle case che lo Stato destina temporaneamente a quelli in servizio.

Quest'Uomo, di qualsiasi grado e genere, è un eroe per il solo fatto di sopravvivere, ma, essendo dell'Esercito, per altri versi, è un inguaribile Rompipalle. Dà l'anima ai comandanti, al reparto e ai compagni, ma quando tace non sempre acconsente, quando mugugna accusa, quando ghigna sorprende e quando sbotta o cerca di dire la sua verità è disposto ad affrontare il rischio di essere tacciato d'insofferenza, disobbedienza o codardia.

Ma soprattutto è un rompipalle perché viene ferito o muore. Muore in patria e all'estero, in operazioni e incidenti. Muore quando torna dalle missioni per malattie che nessuno può o vuole riconoscere come dipendenti dal servizio prestato. Se c'è una cosa che irrita chi si cura soltanto di chi sta in alto e che con i subordinati ha costantemente il mento al di sopra del pomo d'Adamo è la partecipazione ai funerali di questi rompipalle.

A poco vale la considerazione che muoiono proprio perché le ambiguità li portano a rischiare più del necessario, che muoiono senza il pieno riconoscimento del loro sacrificio (una semplice medaglia) perché "in operazioni di pace non spetta", quasi che morire sia colpa loro e che l'etichetta della pace comporti solo l'obbligo di andare e non quello di tornare. Il numero di questi uomini e donne è importante per l'Esercito, questa volta, e i materiali veramente necessari sono in funzione della loro missione e dignità.

Perciò si deve costantemente fare la verifica di quanti ne servono, quanti ne possiamo formare e quanti ce ne possiamo permettere, al di là dei velleitarismi e delle discussioni sulla guerra e sulla pace. Perché, alla fine, è su questi uomini e donne che influisce qualsiasi taglio finanziario o di personale e la tentazione dell'eutanasia dell'Esercito.

Se Fraticelli si riferisce alla complessa e difficile Missione dell'Esercito, di cui quella di pace è una delle tante sfaccettature, e se la sua preoccupazione per l'uomo si riferisce più a questo Uomo che all'affusto, il suo "sfogo" non può che avere il sostegno di chi ha a cuore la Patria, la Sicurezza e le Forze Armate, non per recriminare su quanto viene dato agli altri, ma per rappresentare quanto non viene assegnato all'Esercito che con tali "altri" è un tutt'uno.

Siamo comunque tutti consapevoli del rischio che le rivendicazioni legittime vengano strumentalizzate, che vengano liquidate come lotta tra "poveracci" o, peggio, che si riducano a una guerra di poltrone per altre poltrone e che tutto ciò comporti l'ennesima presa in giro di chi crede nelle istituzioni e aggiunga altre giustificazioni al desiderio di eutanasia di questo Esercito eroico e rompipalle che si ostina a non voler scomparire.

FAI CLICK SU QUESTO LINK ED ESPRIMI LE TUE IDEE NEL FORUM