Rottamazione auto: come si fa

0
317

Per la demolizione e rottamazione auto Roma è necessario seguire una procedura ben precisa, pena problematiche diverse dal punto di vista amministrativo, penale e non solo. Tutte quelle persone che si trovano per la primissima volta a rottamare un mezzo, sia esso una classica automobile, un motoveicolo, un camper o un veicolo commerciale, potrebbero non sapere bene come destreggiarsi tra le varie pratiche e documentazioni richieste.

Per iniziare, è necessario rivolgersi sempre e solo a centri autorizzati secondo i termini di legge. Nel momento in cui si acquista un nuovo veicolo presso una concessionaria o un rivenditore di veicoli usati, spesso la procedura di rottamazione è un’operazione che viene presa in carico da loro affinché non ci debba preoccupare di nulla, senza rischiare di sbagliare o dover perdere tempo.

È sicuramente vero che la demolizione del veicolo è una dei quelle operazioni che viene svolta nel momento in cui si decide che ormai l’automobile ha fatto il suo tempo e va sostituita con un nuovo modello. Tuttavia, non è sempre così perché può capitare che l’automobile sia stata coinvolta in un incidente e le sue riparazioni siano talmente costose da non valerne la pena. Capita di frequente che le riparazioni del veicolo superino il valore del mezzo stesso, motivo per cui l’assicurazione non ne copre il costo. È dovuto a un fatto legato alla svalutazione del veicolo. le riparazioni ostano tanto e i veicolo spesso perdono molto velocemente il loro valore, addirittura si parla del 75% di perdita del valore già dopo soli 3 anni dall’acquisto. Ciò significa che chi viaggia su un mezzo di seconda mano praticamente deve stare bene attento ad evitare indicenti, anche i meno gravi, perché potrebbe ritrovarsi con un conto molto salato da pagare di tasca propria all’officina meccanica.

Per questa ragione, spesso molti decidono di avvalersi dalla possibilità di demolizione e rottamazione auto Roma, investendo il denaro nell’acquisto di un nuovo mezzo piuttosto oppure rinunciare ad avere una seconda, o terza, automobile in famiglia.